La Casa della Salute – un luogo dinamico di formazione e sensibilizzazione

CasaSaudeTeatroPer raccontare una delle componenti del programma CAM a Caia nel settore socio-sanitario, le attività della Casa della Salute, vi proponiamo un estratto dalla relazione trimestrale di Claudia Aloisio, che opera come consulente e facilitatrice nel settore. Oltre alla Casa della Salute, le attività dell’area socio-sanitaria comprendono un programma di assistenza domiciliare nel quale operano 22 attivisti, attività di incontro e dialogo con i praticanti la medicina tradizionale, l’appoggio all’associazione Mbatikoyane, composta da volontari, operatori e attivisti impegnati su queste attività ed un programma di educazione comunitaria alla salute.

I corsi proposti presso la Casa della Salute, compresi quelli introdotti nel mese di febbraio, proseguono normalmente con una buona partecipazione. Ricordo che si tratta di iniziative diverse, ma tutte hanno l’obiettivo di attrarre persone (bambini, giovani, donne) a formarsi ricevendo contemporaneamente messaggi di prevenzione sanitaria.

CasaSaudeCulinaria2Durante una discussione avuta con il responsabile locale di settore Elias ho fatto presente la necessità che si facciano per il futuro delle scelte ponderate e coerenti con l’obiettivo di mantenere in vita la Casa della Salute. Ho spiegato che sarà necessario fare delle scelte sulla prosecuzione dei corsi pensando di mantenere attivi solo alcuni di essi, selezionandoli in funzione alla possibilità reale che questi siano parzialmente remunerativi e che possano quindi aiutare la sopravvivenza della Casa della Salute. Elias, probabilmente già sensibile all’argomento in seguito ad una visita tenutasi nel mese di maggio da parte di una delegazione della Provincia di Sofala, ha subito ben compreso le necessità di ridimensionamento e ha già impostato un piano delle attività per l’anno prossimo che riduce alcune attività, considerando quelle che meno rispondono agli obiettivi posti al momento dell’avvio e della mancanza di un ritorno economico. […]

Tra le attività valutate valide e che si desidera mantenere c’è il Corso di Sartoria, avviato quest’anno, che si rivolge ai bambini orfani che quindi non pagano una quota partecipativa ma i capi realizzati durante il Corso vengono venduti e costituiscono pertanto un’entrata di cassa.
Anche il Corso di Inglese è una attività che garantisce delle buone entrate. Gli studenti sono sempre numerosi, tanto da spingerci di anno in anno ad aumentare le lezioni. L’idea per il 2015 è di chiedere una quota di iscrizione a inizio anno di 50,00 Mzn e poi una quota mensile di 40,00 Mzn. Secondo Elias anche il Corso di Culinaria (cucina e nutrizione, con particolare attenzione alla preparazione di pasti per bambini e persone ammalate) dovrebbe proseguire, cambiando le modalità di realizzazione. Le lezioni non si terrebbero più alla Casa della Salute, ma direttamente nelle comunità (come già avviene negli ultimi mesi dell’anno durante il periodo di divulgazione del Corso), sarebbero in questo caso le donne delle comunità a offrire gli alimenti necessari alla preparazione restando a carico della Mbatikoyane e/o del Consorzio il costo della formatrice, Dona Madalena, e di alcuni prodotti di base.
Permarrebbe tra le attività della Casa della Salute anche la piccola biblioteca, che è frequentata dai ragazzi della zona e non è oggetto di grosse spese (se non che bisognerebbe, con il 2015, provvedere all’acquisto di nuovi libri di testo). Anche l’attività di Informazione sui temi dell’HIV/AIDS verrebbe mantenuta in quanto elemento fondamentale delle attività della Casa della Salute e non prevede grosse spese. Anche il Gruppo di Teatro Mbatikoyane continuerebbe con la sua attività, data l’importante impatto che ha nella sensibilizzazione nelle comunità e la presenza di un gruppo forte e affiatato che sarebbe un peccato perdere.

CasaSaudeCulinariaNel mese di Maggio uno dei nostri guardiani della Casa della Salute si è gravemente ammalato, malattia che lo ha portato a perdere la vita nel mese successivo. E’ stato scelto di corrispondere quello che avrebbe dovuto essere il salario del mese di giugno come aiuto alla famiglia in questo triste momento per far fronte alle spese dovute alla malattie e infine ai funerali. Anche i membri dell’associazione Mbatikoyane hanno partecipato con una raccolta fondi per aiutare la famiglia, dal momento che il guardiano era membro dell’associazione. Il lavoro della guardia della Casa della Salute è stato svolto da un collega che si era occupato fino a quel momento di custodire la Machessa della Paragem da Beira. Discutendo con Elias e con il Coordinatore è stato deciso di mantenere anche per il futuro questo stato di cose, la Machessa non ha più un reale bisogno di una guardia fissa, trattandosi ormai di strutture in cui non vengono realizzate attività (dato che gradualmente si sono spostate alla Casa della Salute), si provvederà unicamente a tenere gli spazi puliti dalla spazzatura e dalle erbacce. Il guardiano della Machessa è stato quindi spostato definitivamente alla Casa della Salute. […]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...